Disforia sociale

Moderatori: AnimaSalva, Valentina, Lorett@, vernica71, Melissa_chan, virgolette, Alyssa, Irene, CristinaV, Roby

Rispondi
Avatar utente
valeriaconte
Princess
Princess
Messaggi: 4788
jedwabna poszewka na poduszkę 40x40
Iscritto il: martedì 21 ottobre 2014, 18:16
Località: brescia
Contatta:

Disforia sociale

Messaggio da valeriaconte »

https://progettogenderqueer.wordpress.c ... a-sociale/

Mi sembra interessante, specialmente per chi, come me, non è in una vera transizione.

Valeria

Avatar utente
LauraB
Queen
Queen
Messaggi: 5499
Iscritto il: martedì 11 novembre 2014, 22:10
Località: Brescia
Età: 56
Contatta:

Re: Disforia sociale

Messaggio da LauraB »

Discussione e confronto sono sempre la panacea per risolvere visioni diverse.
In un mondo binario, non essere binaristi è difficile, poco capito, ma è un problema che si risolve ragionandoci su.
Come tutte le cose nuove, all'inizio suonerà strano, anomaloma poi ci si renderà conto che è una visione diversa (diversa da chi...), numericamente fuori dalla maggioranza ( che fa la normalità, ma sui numeri, non sui modi) e il termine "strano" è solo per intendere qualcosa che non si conosce.

l articolo parla di "stato di pace", quella cosa che tutti dovrebbero raggiungere,senza condizionamenti , pressioni o critiche.
Laura Bianchi

Avatar utente
Elebeauty
Baby
Baby
Messaggi: 29
Iscritto il: domenica 20 marzo 2016, 16:00
Località: Montecchio

Re: Disforia sociale

Messaggio da Elebeauty »

Certo ogni persona fa le sue considerazioni in merito all'essere a posto con se stessa. Chiaro però che il fenomeno della disforia sociale non è piacevole da affrontare per persone come noi. Io vedo molto timore nelle persone a cui ho parlato di me, la loro paura principale è riconoscere l'identità in cui ci troviamo, sapere CHI hanno davanti (anche se noi sappiamo benissimo che quel CHI siamo sempre noi e non siamo un'altra persona), la quale però semmai è un problema nostro e in un mondo in armonia ci sarebbe da chiedersi perchè è tanto importante e mette così tanta paura nel profondo il non riuscire a definire se uno è maschio o femmina. Bisogna lavorarci, fortificare la nostra comunità, al fine di tranquilizzare le persone per dirgli: "siamo persone normali, siamo solo noi stesse", ovvio che con i più ragionevoli è più facile, la sfida più dura è invece tranquillizzare chi ha un giudizio estremo, talvolta aggressivo e violento, nei nostri confronti. In questo forse solo una forte comunità CD può davvero fare la differenza.

Avatar utente
valeriaconte
Princess
Princess
Messaggi: 4788
Iscritto il: martedì 21 ottobre 2014, 18:16
Località: brescia
Contatta:

Re: Disforia sociale

Messaggio da valeriaconte »

Chi ha una vera disforia fisica segue un percorso di transizione, ormonale e poi, se vuole, anche chirurgica, anche se sono alla conoscenza di alcune che si sono fermate all'ultimo momento. Certo non è una cosa facile.
Per quanto mi riguarda a me basta essere riconosciuta come donna nella società, disforia sociale.
Quando esco come donna e mi sento accettata come tale, ne sono felice, euforia sociale.

Molti-molte pensano che non sono transessuale, ma transgender penso di sì.

Valeria

Avatar utente
Nathan
Utente incontrata
Utente incontrata
Messaggi: 451
Iscritto il: martedì 11 novembre 2014, 23:52
Località: Milano
Età: 37
Contatta:

Re: Disforia sociale

Messaggio da Nathan »

grazie tante della condivisione.

siamo "veri" anche noi non med :D

Avatar utente
valeriaconte
Princess
Princess
Messaggi: 4788
Iscritto il: martedì 21 ottobre 2014, 18:16
Località: brescia
Contatta:

Re: Disforia sociale

Messaggio da valeriaconte »

Nathan ha scritto: giovedì 8 aprile 2021, 19:22 grazie tante della condivisione.

siamo "veri" anche noi non med :D
Giusto, ma molti trans medicalizzati, non mi considerano trans : Blink :

Valeria

Avatar utente
sylvix
Princess
Princess
Messaggi: 1901
Iscritto il: martedì 21 ottobre 2014, 3:09
Località: worthing
Contatta:

Re: Disforia sociale

Messaggio da sylvix »

visto che vivo in paesi dove il genere con cui ci si rivolge (direttamente) agli altri è sempre neutro, per me queste sono cazzate auto-attuate per obnubilare la mente e auto-giustificare problematiche ben più gravi legate ai cambiamenti psichici (e neurologici) che avvengono nei soggetti in questione.
se nella realtà, il travestito(medicalizzato, transato o in qualunque altro modo) passa sempre meno al diminuire della distanza interpersonale.(i casi felici sono rarissimi, ma ci sono)
allora è la sensisbilità terzi a fare il brutto e cattivo tempo : Chessygrin :
e si torna al principio: l'opinione altrui è il nemico numero uno del nostro tempo da cui dobbiamo difenderci.
l'atarassia, poi, lasciamola a democrito... erano altri tempi, altre menti.
jeg taler ikke dansk!

Avatar utente
LauraB
Queen
Queen
Messaggi: 5499
Iscritto il: martedì 11 novembre 2014, 22:10
Località: Brescia
Età: 56
Contatta:

Re: Disforia sociale

Messaggio da LauraB »

valeriaconte ha scritto: venerdì 9 aprile 2021, 17:14 Giusto, ma molti trans medicalizzati, non mi considerano trans
l altra sera ne stavamo parlando, come avrai sentito. oggi l ombrello transgender supera l'aspetto trans/sessuale.
Ci confrontiamo anche per capire, per avere piu punti di vista.
Laura Bianchi

Rispondi