La transizione nel Regno unito: fatti contro disinformazione

Moderatori: AnimaSalva, Valentina, Melissa_chan, virgolette, Alyssa, Irene, CristinaV, Roby, Lorett@, vernica71

Rispondi
Avatar utente
LauraB
Queen
Queen
Messaggi: 5399
jedwabna poszewka na poduszkę 40x40
Iscritto il: martedì 11 novembre 2014, 22:10
Località: Brescia
Età: 56
Contatta:

La transizione nel Regno unito: fatti contro disinformazione

Messaggio da LauraB »

La reale situazione dei fatti del Regno Unito, per una corretta lettura


https://www.valigiablu.it/jk-rowling-tr ... c2abmecxbw
Laura Bianchi

Avatar utente
Roby
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 3143
Iscritto il: venerdì 10 ottobre 2014, 7:14
Località: Lombardia
Età: 55
Contatta:

Re: La transizione nel Regno unito: fatti contro disinformazione

Messaggio da Roby »

Ma alla fine la riforma al Gender Recognition Act è passata?
In UK si può cambiare genere a tutti gli effetti legali con una semplice autodichiarazione?
Anche l'articolo ricorda che da questo progetto di riforma era nata l'accesa polemica scatenata da alcune femminile radicali trsn-escludenti (TERF).
Baci
Roberta
La Roby

Moderatrice di X-Dress

Avatar utente
Novella
Gurl
Gurl
Messaggi: 376
Iscritto il: sabato 24 dicembre 2016, 22:37
Località: Bari, Puglia
Età: 48
Contatta:

Re: La transizione nel Regno unito: fatti contro disinformazione

Messaggio da Novella »

No, Roby. Leggendo l'articolo (bello lungo a dire il vero), verso la fine dice che la riforma è stata definitivamente affossata dal governo Johnson. Quindi le regole in vigore sono le stesse seguite finora. Tuttavia il governo si è impegnato a rimuovere le barriere economiche, abbattendo i costi, nonché a modernizzare il processo.
~ N o v e l l a ~

Avatar utente
angelaingrid
Princess
Princess
Messaggi: 3863
Iscritto il: lunedì 27 ottobre 2014, 15:29
Località: Livorno
Età: 63

Re: La transizione nel Regno unito: fatti contro disinformazione

Messaggio da angelaingrid »

Ci credete se vi dico che mica ho capito 'sta cosa?
Cioè scusate... secondo la bozza di legge bastava che io, senza aver mai visto un solo ormone in vita mia e con tanto di aggeggio maschile, ma con un filo di trucco e nulla più, andassi da un ufficiale di stato civile e dicessi Sono una donna per avere i documenti cambiati con la F sul genere? e rientrare nelle quote rosa sul lavoro eccetera?
Di Harry Potter non me ne è mai fregato niente, ma la Rowling non avrebbe avuto tutti i torti. E nemmeno le femministe tossiche a protestare...
Angela Ingrid non è così. È che la disegnano così.

Avatar utente
Roby
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 3143
Iscritto il: venerdì 10 ottobre 2014, 7:14
Località: Lombardia
Età: 55
Contatta:

Re: La transizione nel Regno unito: fatti contro disinformazione

Messaggio da Roby »

Sì ti confermo che la proposta di legge diceva questo.
Comunque non è passata, quindi tutta la discussione sollevata da chi la osteggiava ormai è lana caprina.
Baci
Roberta



Inviato dal mio C15 Pro utilizzando Tapatalk

La Roby

Moderatrice di X-Dress

Avatar utente
LauraB
Queen
Queen
Messaggi: 5399
Iscritto il: martedì 11 novembre 2014, 22:10
Località: Brescia
Età: 56
Contatta:

Re: La transizione nel Regno unito: fatti contro disinformazione

Messaggio da LauraB »

Leggendo il testo della scrittrice sembra quasi che in Inghilterra una donna trans (o un maschio cisgenere che voglia commettere reati sessuali) debba avere un Gender Recognition Certificate per entrare in un bagno femminile, e siccome è diventato facile ottenerlo allora il rischio per le donne cisgenere aumenti. Ciò non è vero. Alle donne trans è già permesso l’accesso a questi spazi grazie all’Equality Act del 2010, che tutela contro le discriminazioni - tra cui quelle di genere. Inoltre documenti o atti come passaporto, conto bancario e patente possono già essere cambiati attraverso un comune certificato medico. Il certificato di nascita influenza solo le pratiche di matrimonio, pensione e sepoltura - è il motivo per cui molte persone trans evitano di sottoporsi alla lunga e invadente trafila per cambiarlo. Senza contare che nessuno chiede il documento all’ingresso dei bagni, in Gran Bretagna.
Laura Bianchi

Rispondi