Uno nessuno e centomila

Uno nessuno e centomila

Messaggioda Elisa Da Vinci » venerdì 14 febbraio 2020, 12:38

Stamani la mia Facebook riporta un ricordo condiviso ben 5 anni fa.

“Non mi conoscevo affatto, non avevo per me alcuna realtà mia propria, ero in uno stato come di illusione continua, quasi fluido, malleabile; mi conoscevano gli altri, ciascuno a suo modo, secondo la realtà che m'avevano data; cioé vedevano in me ciascuno un Moscarda che non ero io non essendo io propriamente nessuno per me: tanti Moscarda quanti essi erano.”
(uno nessuno centomila, Luigi Pirandello)

Sono passati 5 anni da questo ricordo, un libro a me caro.

Tanto lo odiato a scuola, quanto mi calzava a pennello allora e ora. Mi sono sempre interrogata su chi effettivamente sia io per gli altri e il rapporto di questo con la percezione della realtà.

Sono in ordine sparso:
un padre severo per i miei figli
un collega empatico e (spero) professionale per i colleghi
un marito distratto e assorbito dal lavoro per mia moglie
un figlio taciturno per i miei
una persona eclettica e sempre allegra per i conoscenti
una persona ma scherzosa per chi gli amici

poi ci sono io, o meglio quello che penso di essere io, una persona introversa, timida, riflessiva a tratti pessimista per non rimanere troppo delusa.

è difficile, almeno per me trovare esattamente una definizione di chi io sia.

ogni mattina lo specchio riflette l'immagine di un uomo dai lineamenti tirati, poco incline a sorridere

In solitudine la faccia di una donna sorridente

a questo punto è più corretto chiedersi chi sono o chi vorrei essere?

Elisa
C'è un tempo giusto per andarsene dalla vita di una persona anche quando non si ha un posto dove andare...
Avatar utente
Elisa Da Vinci
Lady
Lady
 
Messaggi: 679
Iscritto il: domenica 26 gennaio 2020, 17:02
Località: Firenze

Re: Uno nessuno e centomila

Messaggioda AnnaSettantatre » venerdì 14 febbraio 2020, 12:48

Elisa, mia adorata Elisa

(E' un incipit che sto usando spesso ultimamente, delle due l'una: o adoro un sacco di gente, oppure difetto in fantasia)

E' cosi' importante sapere chi sei?

O non e' forse molto piu' importante sapere chi vorresti essere, e adoperarti per questo?

Nessuno di noi sa veramente chi egli sia, la nostra essenza e' nascosta e indefinibile, siamo a seconda di chi ci guarda.

Ma se io decido che oggi voglio essere una donna sensibile, bella, elegante, empatica verso il prossimo, e ci provo, e sento che il provarci mi fa star bene e allieta la mia giornata, allora l'atto stesso di averci provato e' stato importante, indipendentemente dal risultato che ha prodotto.

Non domandarti chi vuoi essere: sii.
Enjoy life, every second, every minute, every day, the in between moments, rain, wind and sunshine, everything will be ok.

"Vedere le altre donne mi fa desiderare di essere come loro." (cuoredimenta)

"E quel pianto che ora goccia dal cielo buio è insieme la mia lacrima che silente l’accompagna, e con esso s'accorda." (Veronica)

Immagine
Connesso
Avatar utente
AnnaSettantatre
Lady
Lady
Utente incontrata
Utente incontrata
 
Messaggi: 886
Iscritto il: sabato 26 dicembre 2015, 14:12
Località: Torino

Re: Uno nessuno e centomila

Messaggioda roby_rm » venerdì 14 febbraio 2020, 13:21

Credo che ci piaccia di più giocare con le parole ed i loro significati secondari che cercare di capire ed attuare i concetti base.
Fin da quando ero un' Anatroccola alla scuola del pollaio, mi sono chiesta se il titolo sia più geniale del racconto. Si può sembrare o apparire uno, nessuno o centomila per gli altri, ma questo non dice cosa SEI. Che tu appaia diverso a chi ti vede, al mutare della prospettiva e delle condizioni in fondo è ovvio, anche senza scomodare i viaggi di Gulliver.
Poi ci sei tu, quello che senti e che ti senti, di cui la tua immagine è una proiezione che viene vista ed interpretata dagli altri, uno, nessuno o centomila.

Forse Anna non ha torto. Prima sii, e sappi chi sei, poi interrogati su come ti vedono gli altri. : Smile : Se tutti percepiscono la stessa cosa, o sei una grande anima, o un' illuminato : Smile :

Potrebbe accadere anche che tu sia una donna che gli altri non vedono... ma sai che tu sei (anche) quella donna... : Smile : sai chi sei. A questo punto vuoi che rimanga un tuo segreto o vuoi che la donna sia conosciuta? Da uno, da nessuno o da centomila?

Kiss
roby_rm

I'm not so bad! They just draw me that way!
Avatar utente
roby_rm
Princess
Princess
 
Messaggi: 1036
Iscritto il: venerdì 12 aprile 2019, 21:09
Località: roma - italia

Re: Uno nessuno e centomila

Messaggioda Celeste » venerdì 14 febbraio 2020, 14:16

Io so solo che non voglio essere una definizione o un ruolo.
Chi sono lo posso sapere tramite le mie sensazioni e la mia intuizione, ma non si può esprimere a parole a meno di usare parole con dei significati non ben precisati. Poi posso sapere quello che mi piace e quello che non mi piace (fare, ricevere, vivere, ecc..), ciò che mi dà serenità oppure no, ciò che mi coinvolge, ciò che mi annoia o ciò che mi fa paura. La consapevolezza per me è verso lo stato d'animo che mi attraversa, ma se applicassi a me stessa delle definizioni credo che alla fine diventerebbe una decisione di cosa vedere e cosa non vedere; ma io voglio sapere tutto di me non solo quello che ho deciso di considerare per motivi più o meno consci.
Per quanto riguarda quello che di me vedono gli altri, bè è affar mio fino ad un certo punto, poi se ad una persona interesso veramente non credo che si limiterà ad inquadrarmi in un ruolo, in uno stereotipo, in uno schema... ma comunque è libera di farlo.
Celeste
Avatar utente
Celeste
Lady
Lady
 
Messaggi: 902
Iscritto il: venerdì 18 maggio 2018, 23:25
Località: Triveneto

Re: Uno nessuno e centomila

Messaggioda Elisa Da Vinci » venerdì 14 febbraio 2020, 15:13

AnnaSettantatre ha scritto:Elisa, mia adorata Elisa
E' cosi' importante sapere chi sei?


Non so quanto è importante, ma so che è una cosa che mi chiedo da sempre.

AnnaSettantatre ha scritto:Elisa, mia adorata Elisa
O non e' forse molto piu' importante sapere chi vorresti essere, e adoperarti per questo?


è sicuramente molto molto importante, e mi sono sempre adoperata per essere la persona che immagino di essere.

AnnaSettantatre ha scritto:Elisa, mia adorata Elisa
Non domandarti chi vuoi essere: sii.


è nel mio carattere fracassarmi l'io di domande, ma tra una domanda e l'altra, io sono.
roby_rm ha scritto:Credo che ci piaccia di più giocare con le parole ed i loro significati secondari che cercare di capire ed attuare i concetti base.


Ammetto di essere attratta dal significato delle parole, adoro giocarci, forse a causa dell'uso che ne faccio durante il mio lavoro.
parafrasando il vecchio Nanni: le parole sono importanti.

Sapere chi sono per gli altri, mi aiuta a comprendere meglio come mi pongo ed eventualmente a capirne il perché

Mi aiuta a correggere eventuali atteggiamenti che possono dare un idea sbagliata di quello che sono. per me è importante essere percepita come mi vedo

roby_rm ha scritto:A questo punto vuoi che rimanga un tuo segreto o vuoi che la donna sia conosciuta? Da uno, da nessuno o da centomila?


A questa domanda, ho in parte risposto, voglio "farmi conoscere" per come sono, non da uno, non da nessuno, forse da centomila.
e ho deciso di farlo (anche se ancora in modo ristretto) pubblicando le mie foto in questo forum.

Alla fine è difficile definire chi siamo, perché "tutto scorre", siamo in continua evoluzione. ero un idealista un tempo, animata da fervore politico, ero asociale, come adesso sono quasi agli antipodi.

Eppure so di essere ancora io, curiosa nel provare e trovare quanto di più vicino ci sia al mio essere.

Elisa
C'è un tempo giusto per andarsene dalla vita di una persona anche quando non si ha un posto dove andare...
Avatar utente
Elisa Da Vinci
Lady
Lady
 
Messaggi: 679
Iscritto il: domenica 26 gennaio 2020, 17:02
Località: Firenze

Re: Uno nessuno e centomila

Messaggioda angelaingrid » venerdì 14 febbraio 2020, 22:00

AnnaSettantatre ha scritto:Elisa, mia adorata Elisa

(E' un incipit che sto usando spesso ultimamente, delle due l'una: o adoro un sacco di gente, oppure difetto in fantasia)



Un incipit che sa tanto di Shakespeare, più che di Pirandello...
Angela Ingrid non è così. È che la disegnano così.
Avatar utente
angelaingrid
Princess
Princess
 
Messaggi: 3657
Iscritto il: lunedì 27 ottobre 2014, 15:29
Località: Livorno

Re: Uno nessuno e centomila

Messaggioda Serena Crossdresser » sabato 15 febbraio 2020, 15:58

Sei anche Elisa !
Cosa te ne frega delle altre centomila facce che puoi indossare ?
Serena


"Poichè non sappiamo quando moriremo, si è portati a credere che la vita sia un pozzo inesauribile; però tutto accade solo un certo numero di volte, un numero minimo di volte. Quante volte vi ricorderete di un certo pomeriggio della vostra infanzia, un pomeriggio che è così profondamente parte di voi che senza neanche riuscireste a concepire la vostra vita - forse altre quattro o cinque volte, forse nemmeno. Quante altre volte guarderete levarsi la luna - forse venti - eppure tutto sembra senza limite."

cit. da " Il tè nel deserto "

... L'ora miracolosa che almeno una volta tocca a ciascuno. Per questa eventualità vaga, che pareva farsi sempre più incerta col tempo, uomini fatti consumavano lassù la migliore parte della vita.

cit. da " Il deserto dei Tartari " ( Dino Buzzati )
Avatar utente
Serena Crossdresser
Princess
Princess
Utente incontrata
Utente incontrata
 
Messaggi: 1298
Iscritto il: martedì 19 febbraio 2019, 15:44
Località: Ivrea

Re: Uno nessuno e centomila

Messaggioda Elisa Da Vinci » sabato 15 febbraio 2020, 16:12

Serena Crossdresser ha scritto:Sei anche Elisa !
Cosa te ne frega delle altre centomila facce che puoi indossare ?


Hai perfettamente ragione Serena.
Sono Elisa, sono stata sempre lei.

Sono sempre stata io, con indosso altre maschere.

Indossare per convenienza, per “quieto” vivere.

Il pensiero é nato da Facebook, che ripropone ricordi sepolti.

Quando mi arrovellavo, domandandomi chi davvero fossi, per gli altri e poi per me.

Elisa




Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
C'è un tempo giusto per andarsene dalla vita di una persona anche quando non si ha un posto dove andare...
Avatar utente
Elisa Da Vinci
Lady
Lady
 
Messaggi: 679
Iscritto il: domenica 26 gennaio 2020, 17:02
Località: Firenze

Re: Uno nessuno e centomila

Messaggioda Serena Crossdresser » sabato 15 febbraio 2020, 16:27

Io sono sempre stata Serena.
Ho lottato molto pero per sentirmi Serena.
Ho rinunciato alla mia famiglia di origine ed ho scelto di vedere chi non mi accettava per quello che era.
Le maschere che indossavo ( direbbe Pirandello ) mi stavano
soffocando.
Non voglio piu " recitare a soggetto ".
Serena


"Poichè non sappiamo quando moriremo, si è portati a credere che la vita sia un pozzo inesauribile; però tutto accade solo un certo numero di volte, un numero minimo di volte. Quante volte vi ricorderete di un certo pomeriggio della vostra infanzia, un pomeriggio che è così profondamente parte di voi che senza neanche riuscireste a concepire la vostra vita - forse altre quattro o cinque volte, forse nemmeno. Quante altre volte guarderete levarsi la luna - forse venti - eppure tutto sembra senza limite."

cit. da " Il tè nel deserto "

... L'ora miracolosa che almeno una volta tocca a ciascuno. Per questa eventualità vaga, che pareva farsi sempre più incerta col tempo, uomini fatti consumavano lassù la migliore parte della vita.

cit. da " Il deserto dei Tartari " ( Dino Buzzati )
Avatar utente
Serena Crossdresser
Princess
Princess
Utente incontrata
Utente incontrata
 
Messaggi: 1298
Iscritto il: martedì 19 febbraio 2019, 15:44
Località: Ivrea

Re: Uno nessuno e centomila

Messaggioda Elisa Da Vinci » sabato 15 febbraio 2020, 16:34

Serena Crossdresser ha scritto:Io sono sempre stata Serena.
Ho lottato molto pero per sentirmi Serena.
Ho rinunciato alla mia famiglia di origine ed ho scelto di vedere chi non mi accettava per quello che era.
Le maschere che indossavo ( direbbe Pirandello ) mi stavano
soffocando.
Non voglio piu " recitare a soggetto ".


Conosco il senso di soffocamento.

L’ho provato e si materializzava con un ansia che mi prendeva lo stomaco ogni mattina.

Davo la colpa al lavoro.

Poi da quando ho condiviso con voi chi sono: svanito.

Non potrò probabilmente nel breve farmi vedere da chiunque.

Ma posso farmi vedere, fuori dalla portata della famiglia.

Non posso ancora (potrò mai?) far cadere ogni maschera.

Ma non avere a che fare più con l’ansia é già per me un grosso traguardo.

Elisa


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
C'è un tempo giusto per andarsene dalla vita di una persona anche quando non si ha un posto dove andare...
Avatar utente
Elisa Da Vinci
Lady
Lady
 
Messaggi: 679
Iscritto il: domenica 26 gennaio 2020, 17:02
Località: Firenze

Prossimo


Torna a Racconti




Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010