Appunti di viaggio

Appunti di viaggio

Messaggioda Frida » martedì 22 ottobre 2019, 15:17

In questi giorni sono spesso tra le nuvole, nel senso che viaggio in aereo per l'Europa.
Premetto che non viaggio enfemme ma in valigia porto con me lo stretto indispensabile.
Prima di mettersi in viaggio può aiutare dare un'occhiata a questi suggerimenti per i viaggiatori non binari e trangender.

Mi è capitato di incontrare un'assistente di volo T*. La tappa è stata breve ma ho avuto il tempo di osservare alcuni dettagli. Sono felice di sapere che ci sono situazioni lavorative senza discriminazioni. Gli aereoporti possono essere un disagio per chi viaggia a causa dei controlli sull'identià e sugli effetti personali. Ho sorriso quando al controllo sicurezza mi hanno chiesto se portavo delle protesi, ho risposto: "oggi no"; ovviamente la domanda di rito per chi si traveste può essere malinterpretata : Chessygrin :

Resta opportuno sapere prima di mettersi in viaggio le regole per il trasporto di cosmesi e accessori femminilizzanti. Finora non mi è mai capitato di contravvenire alle regole, per cui vestiti, parrucca, cosmesi, protesi e accessori non hanno subito restrizioni. Il viaggiatore transvestico non subisce alcun controllo invasivo dell'identità ma può subire il disagio di aprire la valigia e dare spiegazioni sulla provenienza dei suoi effetti personali. Niente panico, basta rispondere la verità.
"Una voce chiama da Seir in Edom: sentinella quanto durerà ancora la notte? E la sentinella risponde: verrà il mattino ma è ancora notte; se volete domandare ritornate un' altra volta"
Avatar utente
Frida
Princess
Princess
Utente incontrata
Utente incontrata
 
Messaggi: 2022
Iscritto il: giovedì 12 novembre 2015, 1:46
Località: Milano

Re: Appunti di viaggio

Messaggioda Luciathecutegirl » martedì 22 ottobre 2019, 16:47

Chissa che imbarazzo farti beccare dai controlli e dare delle spiegazioni, non avrò mai il coraggio di andare in aereoporto con la valigia piena di vestiti femminili
Essere donna è così affascinante. È un avventura che richiede un tale coraggio, una sfida che non annoia mai
-Lucia
Avatar utente
Luciathecutegirl
Teen
Teen
 
Messaggi: 88
Iscritto il: domenica 22 settembre 2019, 20:02
Località: Emilia Romagna

Re: Appunti di viaggio

Messaggioda Roby » martedì 22 ottobre 2019, 17:12

Luciathecutegirl ha scritto:Chissa che imbarazzo farti beccare dai controlli e dare delle spiegazioni, non avrò mai il coraggio di andare in aereoporto con la valigia piena di vestiti femminili
Non bisogna avere vergogna di mostrare quello che siamo.
Non c'è niente di male nell'essere CD o Trans o qualunque altra categoria in cui ci vogliamo identificare.
Una protesi seno, indossata o in valigia, non fa male a nessuno
Roberta


Inviato dal mio SM-A530F utilizzando Tapatalk
La Roby
Avatar utente
Roby
Princess
Princess
Utente incontrata
Utente incontrata
 
Messaggi: 2468
Iscritto il: venerdì 10 ottobre 2014, 7:14
Località: Lombardia

Re: Appunti di viaggio

Messaggioda Roby » martedì 22 ottobre 2019, 17:14

Cara Frida, 

in quanto unica viaggiatrice aerea di sesso maschile ed espressione di genere femminile di questo Forum (almeno unica ad aver postato testimonianze recenti, ed unica non ufficialmente in transizione) non posso non rispondere e dare un contributo a questa discussione.
Intanto ti ringrazio molto per la condivisione di questo utilissimo link: io l'avevo già letto ma certamente può essere utile per altre che vogliano viaggiare.

In base all'esperienza personale, non c'è nessun problema a viaggiare con un documento che riporta un nome e sesso maschile ed aspetto femminile (o magari viceversa).  L'unico problema può venire a livello di riconoscimento, cioè se la foto è molto diversa dal nostro aspetto, al punto da renderci irriconoscibili.  L'ideale (come detto anche nell'articolo) sarebbe avere una foto che ci assomigli e renda riconscibili anche nel nostro genere espresso al momento del viaggio; a me è capitato di avere problemi in questo senso in un controllo in ingresso negli USA, ma per altro sono passata tranquillamente molte altre volte pur essendo molto diversa dalla foto del mio passaporto.   

In molti aeroporti si sta diffondendo il riconoscimento automatico, tramite dati biometrici: si mette il passaporto (di quelli dotati di microchip) su una sorta di scanner, una fotocamera ci inquadra ed un software ci identifica ed apre (o no) il varco.   Io sono passata (enfemme e quindi truccata ) attraverso questi simili sistemi in UK, Germania, e se non ricordo male pure in Francia e non ho mai avuto problemi.  Se possibile suggerisco preferire questi sistemi al riconscimento fatto da un umano che può essere condizionato dal nostro apparire enfemme.

A livello di security, le protesi seno indossate non danno problemi ne al metal detector nè al body scanner.   In quest'ultimo caso invece l'allarme può venire da corsetti, guainette elasticizzate e cose simili che modificano la silouette del corpo (almeno nel mio caso è stato così).

Nota che il body scanner ha due programmi di funzionamento in base al genere:  l'operatore lo imposta e la macchina segnala eventuali anomalie in base a quello che si aspetta di vedere. Evidentemente nel mio caso è stato usato il programma femminile, ma forse se l'operatore selezionasse il programma maschile (in base a come ci identifica) ed indossiamo un reggiseno con protesi, a quel punto potrebbe scattare l'allarme.  Non so con certezza, ma lo ritengo probabile.

Dopo il body scanner potrebbe esserci anche una perquisizione personale, fatta da un operatore / operatice dello stesso genere da noi espresso (ed interpretato dalle persone della security).  E' importante stare molto calmi/e, e se è il caso dire apertamente di essere transgender, pre op (se è il caso); eventualmente prima che un'operatore di sesso (biologico) diverso dal vostro metta le mani nelle parti intime.  

In ogni caso è importante essere sempre collaborativi/e, trasparenti,  non nascondere la propria condizione.    Ho letto alcune disavventure di persone gender non-conforming in aeroporti, e quasi tutte derivano da atteggiamenti molto nervosi, rifiuto di sottoporsi a controlli, rifiuto di dichiarare il proprio sesso/genere come risulta dai documenti etc etc.

grazie ancora per questa condivisione. Spero che le mie esperienze possano integrare quanto riportato nell'articolo per fornire un quadro completo della situazione

Roberta






Inviato dal mio SM-A530F utilizzando Tapatalk
La Roby
Avatar utente
Roby
Princess
Princess
Utente incontrata
Utente incontrata
 
Messaggi: 2468
Iscritto il: venerdì 10 ottobre 2014, 7:14
Località: Lombardia

Re: Appunti di viaggio

Messaggioda maxima » martedì 22 ottobre 2019, 17:44

In uno dei miei viaggi a madrid (nei quali, come molte amiche sanno) porto con me un unico bagaglio" a mano" nel quale riesco a "stipare" un intero guardaroba femminile comprendente diversi paia di scarpe oltre ai trucchi ed ai nu-bra di rito, una volta mi capitò di dover essere sottoposto ad una perquisizione aggiuntiva poiché il mio bagaglio presentava qualche anomalia... ho aperto il trolley ed ho mostrato l'oggetto che aveva destato i dubbi all'inserviente: si trattava di una coppia (anzi, erano due) di nu-bra in silicone.
Un minimo di imbarazzo l'ho provato in quel momento, ma in realtà, ripensandoci, mi viene soltanto da sorriderci su.
Maxima
4538
Avatar utente
maxima
Princess
Princess
Utente incontrata
Utente incontrata
 
Messaggi: 2154
Iscritto il: venerdì 24 ottobre 2014, 23:30
Località: genova

Re: Appunti di viaggio

Messaggioda Frida » martedì 22 ottobre 2019, 18:16

Luciathecutegirl ha scritto:Chissa che imbarazzo farti beccare dai controlli e dare delle spiegazioni, non avrò mai il coraggio di andare in aereoporto con la valigia piena di vestiti femminili


Per me non c'è un "farsi beccare" poichè, come dice giustamente Roberta, pur non essendo io transgender, non mi vergogno, ma per questo non è che ami le fanfare.

Direi che la mia preoccupazione maggiore sta nel riuscire a portare in viaggio il più possibile, per cui ho scoperto il travel kit, per la cosmesi; alla fine le cose che devi tirare fuori dalla borsa sono le creme e i liquidi, ad esempio, la colla, lo struccante, l'acetone, etc.

Fare crossdressing ha il suo peso e il suo ingombro che si misura in valigie : Chessygrin :
"Una voce chiama da Seir in Edom: sentinella quanto durerà ancora la notte? E la sentinella risponde: verrà il mattino ma è ancora notte; se volete domandare ritornate un' altra volta"
Avatar utente
Frida
Princess
Princess
Utente incontrata
Utente incontrata
 
Messaggi: 2022
Iscritto il: giovedì 12 novembre 2015, 1:46
Località: Milano

Re: Appunti di viaggio

Messaggioda Frida » martedì 22 ottobre 2019, 18:30

Roby ha scritto:grazie ancora per questa condivisione. Spero che le mie esperienze possano integrare quanto riportato nell'articolo per fornire un quadro completo della situazione

Roberta


Grazie a te per la tua viva testimonianza di viaggiatrice aerea. A tutti.e piace viaggiare comodamente in aereo e avere un quadro pratico aiuta molto senza nulla togliere al contributo emotivo.
"Una voce chiama da Seir in Edom: sentinella quanto durerà ancora la notte? E la sentinella risponde: verrà il mattino ma è ancora notte; se volete domandare ritornate un' altra volta"
Avatar utente
Frida
Princess
Princess
Utente incontrata
Utente incontrata
 
Messaggi: 2022
Iscritto il: giovedì 12 novembre 2015, 1:46
Località: Milano

Re: Appunti di viaggio

Messaggioda Roby » martedì 22 ottobre 2019, 19:20

Frida ha scritto:[...]
Direi che la mia preoccupazione maggiore sta nel riuscire a portare in viaggio il più possibile, per cui ho scoperto il travel kit, per la cosmesi; alla fine le cose che devi tirare fuori dalla borsa sono le creme e i liquidi, ad esempio, la colla, lo struccante, l'acetone, etc.
Fare crossdressing ha il suo peso e il suo ingombro che si misura in valigie


Verissimo.
E far stare tutti i liquidi nel minuscolo sacchetto regolamentare per il bagaglio a mano è un impresa.
Nel mio caso ci deve stare dentifricio, shampoo, balsamo, deodorante, profumo, fondotinta, mascara ed anche ahimé la schiuma da barba.
Il resto va fuori busta: rossetto, cipria compatta (fissante), fard, ombretti pennelli e pennellini, dischetti levasmalto, limette per unghie, salviette struccanti, spazzola, cerchietto, pinze per capelli, spazzolino da denti, rasoio.... e tutto questo è veramente il kit base per tenersi in ordine sia in versione homme che femme!!!
Poi vengono i vestiti.
È dura la vita del CD che deve portarsi dietro la roba per le due versioni M ed F.
Non capisco come faccia Maxima a stipare tutto in un bagaglio a mano!!!!
Roby

Inviato dal mio SM-A530F utilizzando Tapatalk
La Roby
Avatar utente
Roby
Princess
Princess
Utente incontrata
Utente incontrata
 
Messaggi: 2468
Iscritto il: venerdì 10 ottobre 2014, 7:14
Località: Lombardia



Torna a Dove andiamo?




Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010