Crossdressing sano in corpore sano.

Moderatori: AnimaSalva, Valentina, Roby, Irene, CristinaV, vernica71, Melissa_chan, Alyssa

Avatar utente
Pamela45
Gurl
Gurl
Messaggi: 207
jedwabna poszewka na poduszkę 40x40
Iscritto il: sabato 17 ottobre 2020, 21:12
Località: Veneto
Età: 68
Contatta:

Accesso area fotografica

Crossdressing sano in corpore sano.

Messaggio da Pamela45 »

1) Crossdressing sano in corpore sano.
Possiamo apprezzare tre aspetti di noi stesse:
l'aspetto fisico
l'aspetto emozionale
e l'aspetto mentale

Questi sono legati reciprocamente ognuno influenza ed è influenzato dagli altri aspetti.
Possiamo paragonare la cosa usando il simbolismo di un tavolo con tre piedi, se vogliamo che il tavolo rimanga armoniosamente in piano le tre gambe devono contribuire con la stessa lunghezza.
La società ci porta a porre inizialmente l'attenzione sul corpo fisico, esso è il nostro vessillo che sbandieriamo nel mondo.
Ma quante volte ci è capitato di conoscere persone belle, eleganti ecc. ma poi approfondendo la conoscenza si conclude che manca la concretezza interiore.
A mio giudizio il Crossdressing porta in essere più l'aspetto emozionale rispetto agli altri.
Voglio dire che le scarpe con i tacchi, i collant, i seni ecc sono una scusa per emozionarci. Ma l'emozionarci è un fatto personale le scarpe con il tacco non hanno energia intrinseca. E' una sorta di fenomeno di risonanza, viene stimolato qualcosa che è già dentro di noi.
Mi si dirà: “Pamela hai scoperto l'acqua calda...” vero! volevo solo evidenziare l'ovvio prima di lanciarmi nel racconto di come ragiona e gestisce la situazione Pamela.
: II-013.jpg :
Conosci te stesso, rispettati! e, se ce la fai, ama l'universo.

Avatar utente
Pamela45
Gurl
Gurl
Messaggi: 207
Iscritto il: sabato 17 ottobre 2020, 21:12
Località: Veneto
Età: 68
Contatta:

Accesso area fotografica

Innanzitutto evitare di danneggiare il corpo

Messaggio da Pamela45 »

2) Non peggioriamo la situazione
Innanzitutto evitare di danneggiare il corpo, i fattori principali di attenzione sono:
il cibo, l'attività fisica, pensieri, le emozioni

Il Cibo non è disgiunto dalle emozioni, siamo un tutt'uno.
Non amo molto la carne, ma senza irrigidimenti, compenso in parte con le uova (bio).
In Italia siamo fortunati ad avere di base la dieta mediterranea.
Personalmente cerco il naturale, coltivo l'orto biologicamente.
Un atteggiamento che trovo controproducente è l'instaurare negli altri “manie alimentari”.
Avete mai notato come tutti ci danno consigli i vegetariani, macrobiotici, i salutisti, integralisti.
Per alcuni una cosa fa male al contrario per altre linee lo stesso cibo è auspicabile.
A mio avviso se uno ti suggestiona che un cibo fa male, finisce che quel cibo ti viene veramente indigesto. Quindi ognuno sia medico di se' stesso, ascoltiamo i consigli con moderazione. Ascoltiamo il corpo ma ogni tanto facciamo sì che sia il corpo ad ascoltarci, qualche mezzo digiuno non guasta e ristabilisce chi comanda. Siamo noi che mangiamo il cibo e NON il cibo che ci mangia. : II-119.gif :

Per l'attività fisica da pensionata faccio almeno 5 Km al giorno e alle domeniche partecipo il più possibile alle marce che vanno di moda. Ho notato che le migliaia di perone partecipanti sono molto sorridenti e allegre.
Lì faccio i 12 km in 2-3 ore dipende.
: II-019.jpg :

MA soprattutto sto attenta a che i pensieri non diventino ossessivi, non è stato semplice mi ha aiutato molto la meditazione in cui cerco di fermare il “dialogo interno”.
La mente è una brutta bestia INGORDA di pensieri ed emozioni... la mente ti parla... parla.... parla. La mia mente non è capace di osservare senza giudicare, essa ama confrontare, criticare, giudicare, riflettere elucubrare... e... se cerchi di zittirla, si arrabbia.
: II-057.jpg :
Conosci te stesso, rispettati! e, se ce la fai, ama l'universo.

Avatar utente
Pamela45
Gurl
Gurl
Messaggi: 207
Iscritto il: sabato 17 ottobre 2020, 21:12
Località: Veneto
Età: 68
Contatta:

Accesso area fotografica

Cominciamo dal basso: le unghie dei piedi

Messaggio da Pamela45 »

3) La micosi delle unghie
La micosi delle unghie o più comunemente chiamata onicomicosi, è una patologia frequente e consiste in un’infezione delle unghie causata dalla presenza di microrganismi chiamati miceti.
Non si tratta di un'infezione grave ma non bisogna assolutamente sottovalutarla poiché se portata agli estremi potrebbe essere causa di una rimozione chirurgica dell'unghia.
La micosi delle unghie è un problema che può affliggere sia uomini che donne, anche se statisticamente sono gli uomini ad essere più colpiti, e inoltre può essere contratta sia alle mani che ai piedi. Quest'ultimi hanno un'incidenza di casi nettamente maggiore a causa della quantità di umidità presente in questa zona rispetto ad altre parti del corpo.

Le infezioni micotiche alle unghie si presentano con un ingiallimento dell'unghia, il cambiamento della loro forma e della loro consistenza (ispessimento), la comparsa di macchie scure e lo sfaldamento progressivo.
Tratto da:
https://www.dermatologiaprati.com/blog/ ... pecialista

Ho letto che una volta che questo “fungo” ti colpisce, anche se riesci a toglierlo, tende a ripresentarsi, è come se delle sue “spore” rimanessero in circolazione in attesa del momento giusto per riemergere.
In una ricerca fatta da un'università Americana si offrirono volontari 20 studenti di medicina.
Nella sperimentazione misero i piedi e le mani in una bacinella d'acqua completamente infettata dai fughi. Lo fecero per almeno 60 minuti al giorno per molto tempo.
Alla fine dell'esperimento si costatò che solo due avevano presentato un leggero contagio, facilmente risolvibile. Tutti gli altri non presentarono alcun sintomo. La conclusione universitaria fu che chi soffre di questa situazione ha una debolezza intrinseca che nasce dentro il soggetto stesso, per cause ignote e diversificate.
A conferma di ciò si è visto che le ricadute, per chi si è infettato una volta, sono all'ordine del giorno. Quindi dovrà sempre stare attento. (Ricorda un po' quello che capita con chi si ammala di malaria)
Riguardo all'incidenza questo dato si riverisce al 2013 ma da allora è cresciuta.
Onicomicosi. Il "fungo" delle unghie che colpisce 7 milioni e mezzo di italiani
Si tratta di una malattia causata da funghi che attaccano la lamina dell’unghia. Secondo le stime dell’Osservatorio Nazionale sulle Onicomicosi, colpirebbe il 16,1% della popolazione dai 45 ai 60 anni e il 20,7% degli over 60. Tra i fattori di rischio anche il diabete e altre patologie.
Tratto da: https://www.quotidianosanita.it/scienza ... o_id=14486

Ho sofferto per anni e ho provato i vari rimedi più o meno costosi e spesso deludenti.
Mi sono abituata a camminare con i sandali il più possibile, caldo permettendo, (di sandali ce ne sono di unisex...)
Poi un giorno una amica farmacista mi disse di provare a mettere i piedi in acqua aggiungendo un po' di varechina, devo dire che sembrava funzionare meglio dei farmaci ma... che puzza, se puzza!! inoltre la varechina è troppo aggressiva e alla lunga anche la pelle ne risente.
Su quell'onda provai ad usare degli ossidanti che si usano per la biancheria.
Il ragionamento che feci è che questi prodotti sono studiati per ossidare sbiancando il più possibile senza però danneggiare i tessuti come la lana, visto che la lana è equiparabile alla pelle, quindi non dovrebbero danneggiare neppure il tessuto della mia pelle.

Detto fatto: ho preso un paio di stivali di gomma impermeabili, ho aggiunto un cucchiaino di “Vanich Oxi Action” con mezzo bicchiere d'acqua e ho indossato per almeno 15 minuti al giorno facendo tranquillamente le incombenze casalinghe.
Lo feci con tempi molto ravvicinati ogni giorno, poi ogni 2 giorni poi ogni 4 giorni. Infine una tantum, attento a che non risorgessero.
Miglioramento in tempi accettabili fino a sparire del tutto! (ma possono ripresentarsi)

Come meraviglioso effetto collaterale osservai che quel fastidioso prurito tra le dita del piede che in certi periodi mi perseguitava dato forse dallo stesso fungo!! “Il piede d'atleta, o tinea pedis,” è un'infezione fungina che agli esordi si manifesta tra le dita dei piedi con piccole lesioni o un'eruzione cutanea squamosa che potrebbe essere scambiata con un eczema.
Il fastidio si acutizzava soprattutto quando andavo a dormire era sparito!.
Tutto il piede ne aveva tratto beneficio, NON ho mai visto effetti collaterali.
: II-010.jpg :
Ultima modifica di Pamela45 il sabato 15 ottobre 2022, 15:38, modificato 1 volta in totale.
Conosci te stesso, rispettati! e, se ce la fai, ama l'universo.

Avatar utente
Daniella+
Baby
Baby
Messaggi: 41
Iscritto il: lunedì 10 ottobre 2022, 12:19
Località: Padova
Età: 47

Utente bannato

Re: Cominciamo dal basso: le unghie dei piedi

Messaggio da Daniella+ »

Pamela45 ha scritto: mercoledì 12 ottobre 2022, 15:48
3) La micosi delle unghie
Ciao Pamela, grazie delle indicazioni sono curiosa di approfondire la tua intuizione. Non ho ancora avuto il problema dell'onicomicosi, corro molto, sul fatto della crossdresser sana in corpo sano, corro ancora di più perchè spesso il comfort food ha il sopravvento in me. La corsa spesso mi porta ad avere unghie nere piuttosto, non rovinate, per poi arrivare a perderle ed è per questo che ho iniziato a curarle esteticamente e soprattutto a dar loro lo smalto : Smile : così non le vedo nere almeno : Smile :
Alcune volte però mi è capitato di avere un fungo, dovuto al sudore presumibilmente; e il mio medico di base che è dermatologo mi ha prescritto un antibiotico, che non amo proprio assumere ma effettivamente l'efficacia è stata immediata e duratura.
Tralascio la rottura di attendere anche mesi per perdere definitivamente l'unghia e avere quella nuova sotto.
Tralascio le volte che per anticipare la caduta dell'unghia compromessa l'ho dovuta strappare (tranquille non si tratta di pratica BDSM è solo praticità).

Avatar utente
Evatravbg
Gurl
Gurl
Messaggi: 192
Iscritto il: venerdì 15 aprile 2022, 18:53
Località: Bergamo
Età: 56

Re: Crossdressing sano in corpore sano.

Messaggio da Evatravbg »

Ciao
Secondo me anche le scarpe antinfortunistiche (anche le più belle) che ormai sono obbligatorie da una ventina di anni su moltissimi luoghi di lavoro hanno influito all'aumento del problema.
Chiaro che ad ognuno fanno effetti diversi

Ciao

Avatar utente
stefania007
Lady
Lady
Messaggi: 996
Iscritto il: domenica 12 ottobre 2014, 15:04
Località: Interland Milanese
Età: 102
Contatta:

Accesso area fotografica

Re: Crossdressing sano in corpore sano.

Messaggio da stefania007 »

Io ho risolto il problema con un dito e sto' quasi finendo di recuperare l'altro...!!🫶Immagine🫶Immagine🫶Immagine


StefaniaDress
StefaniaCombi

Avatar utente
AnimaSalva
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 1944
Iscritto il: giovedì 4 settembre 2014, 22:01
Località: La Spezia
Età: 47
Contatta:

Donna

Utente incontrata

Accesso area fotografica

Re: Crossdressing sano in corpore sano.

Messaggio da AnimaSalva »

Evatravbg ha scritto: mercoledì 12 ottobre 2022, 19:55 Ciao
Secondo me anche le scarpe antinfortunistiche (anche le più belle) che ormai sono obbligatorie da una ventina di anni su moltissimi luoghi di lavoro hanno influito all'aumento del problema.
Chiaro che ad ognuno fanno effetti diversi

Ciao
Sulla micosi non so, ma sulle cattive condizioni, come per esempio la fragilità sì, confermato dalla mia estetista dopo che le ho detto che le indosso abitualmente.
Per non parlare di irritazioni e bolle che mi vengono, ma è un altro discorso...

Avatar utente
Pamela45
Gurl
Gurl
Messaggi: 207
Iscritto il: sabato 17 ottobre 2020, 21:12
Località: Veneto
Età: 68
Contatta:

Accesso area fotografica

Una pelle poco curata può dire molto di una persona, soprattutto nel Crossdressing

Messaggio da Pamela45 »

.
4) La pelle è il nostro primo "vestito", quello che indossiamo ogni giorno sotto gli abiti.
La pelle parla di noi, del presente ed anche di quello che siamo stati in passato.
La pelle è un vento solido che mette in comunicazione il sangue con il cielo.
A certa bellezza non puoi reagire... ti incanta la pelle.
Ti crea spazi tra gli occhi. Ti fa luce limpida nel cuore. La pelle sa tutto.
Anche gli odori della pelle hanno un loro tono di voce, impossibile da confondere.
Non ho consultato le carte né le stelle, eppure la mia vita ha finalmente incontrato la tua pelle.
Nascondimi nei tuoi occhi. Custodiscimi nella tua pelle.
La carezza. Come fosse un viaggio sulla pelle. Ogni poro, un respiro che si fa carne.
(Fabrizio Caramagna)

Lo sai che la pelle respira?
Lo sai che la pelle è come un rene... essa pulisce e aiuta a espellere le tossine che si accumulano nel corpo?
Lo sai che nel corpo circola energia simile all'elettricità?
La circolazione di questa energia ha dei punti di comando, come dei rubinetti che si trovano tutti localizzati nella pelle esterna chiamati "punti dell'agopuntura"
L'energia che circola assume vari nomi tipo "prana" o altro, questa "energia vitale" ha un comportamento che ricorda l'elettricità, ma ha una natura differente.
Questa energia ha due qualità maschile e femminile Yin e Yang.

Siete curiose di sapere quale delle due energia è femminile? : b0808.gif :
Lo YIN viene associato all’ energia femminile, ai concetti di oscurità, alla freddezza, al riposo, alla tranquillità, viceversa lo YANG all’energia maschile, alla luce, al calore, all’attività, al movimento.
(Alcuni autori poi hanno invertito definendo lo Yang maschile e lo Yin Femminile insomma anche qui tutto è relativo.. ha...ha.. questa confusione tra maschile e femminile... noi la comprendiamo bene, anzi benissimo!!)
Nella tradizione cinese nella pelle del corpo all'esterno sono rappresentati tutti gli organi interni; ogni organo ha un suo percorso energetico, chiamato “canale di agopuntura”. Il canale è come un tubo interrato che porta in comunicazione varie zone tra loro, distribuendo o raccogliendo energia)
Ogni “canale agopuntureao” possiede punti per aumentare l'energia dell'organo a cui è riferito, ci sono punti per equilibrare, e altri per disperdere l'eccesso di energia.
Un punto di agopuntura corrisponde a un'area circolare di qualche millimetro di raggio. Si può rilevare in vari modi: seguendo la mappa realizzata dai cinesi si individua la zona in prima approssimazione, poi con una stiletto a punta rotonda (come una matita con punta arrotondata) si individua in base alla sensibilità, il punto in genere risulta molto più sensibile della zona della pelle circostante. Più comodamente si usa misurare la resistenza elettrica della pelle, con un elettrodo opportuno si scandaglia la zona della pelle, quando si arriva al punto lo scandaglio, costruito apposta, emette un suono e/o una luce.
La resistenza della pelle è in genere alta superiore al MegaHom (1.000.000 di Ohm) nel punto di agopuntura la resistenza scende di molto se non di moltissimo, quel punto infatti è un punto dove sfocia all'esterno il canale interno di agopuntura, immaginate un tubo d'acqua interrato che ogni tanto emerga in un pozzo dove chi vuole può raccogliere o introdurre acqua.
https://www.bresciaoggi.it/territori/br ... -1.9528556
Alcuni punti (o zone)della pelle sono dei segnalatori che diventano dolorosi qualora qualcosa non funziona nell'organo a cui si riferisce.
A chi fosse interessato consiglio il libro che mi entusiasmò e catturò letteralmente introducendomi alla naturopatia e alla meravigliosa pratica dell'agopuntura.. : Thumbup :
Ultima modifica di Pamela45 il giovedì 13 ottobre 2022, 22:56, modificato 1 volta in totale.
Conosci te stesso, rispettati! e, se ce la fai, ama l'universo.

Avatar utente
Pamela45
Gurl
Gurl
Messaggi: 207
Iscritto il: sabato 17 ottobre 2020, 21:12
Località: Veneto
Età: 68
Contatta:

Accesso area fotografica

Considerazioni di base per comprendere la soluzione

Messaggio da Pamela45 »

5) Cosa fare migliorare o almeno ridurre il degrado della pelle?
Per quanto detto sull'agopuntura emerge che la pelle è MOLTO di più di una semplice barriera.
Intasamenti della pelle influiscono in tanti modi e, con sorpresa, influisce anche sullo scambio energetico tra esterno e interno fatti dai punti di agopuntura posti tutti sulla pelle.
Le ostruzioni, in definitiva, finiscono col turbare indirettamente gli organi interni, che a prima vista sembravano disgiunti. L'ignorante dice: Che centra la pelle? L'agopuntore a quel punto... tira un profondo respiro e “porta pazienza”.
Inoltre... la pelle ha dei buchini chiamati “pori della pelle” che relazionano l'interno con l'esterno. https://beauty-forum.it/articoli-rivist ... -mito.html

Anche se la quantità di ossigeno assorbita dalla cute è trascurabile, la pelle e pori svolgono comunque un compito fondamentale: quello di regolare il livello di idratazione e di calore del nostro corpo attraverso la produzione di sudore, sebo e altre sostanze.
E' pur vero che quantitativamente la respirazione (o traspirazione) non supera il 4% del fabbisogno di ossigeno, ma va detto che l'ossigenazione è localizzata ovunque e l'ossigeno assorbito non deve fare percorsi lunghi trasportato lontano dal sangue, ma può essere utilizzato in loco per ossigenare i tessuti vicinali.
Per dirla con un immagine allegorica, per il povero che elemosina localmente lungo la via, val più l'euro donato dal passante che i milioni elargiti dal lontano governo centrale e dispersi (se non arraffati) in mille passaggi di mani.

In aggiunta a tutto ciò esiste un altro problema che si accentua con la vecchiaia. Il sangue viene spedito dal cuore alla periferia con dei tubi chiamati arterie, esse si diramano in strutture arteriose sempre più piccole fino a diventare tubicini piccoli come un capello, detti capillari sanguigni.
I capillari sono di piccolo diametro come un capello da cui il nome, basta poco per intasarli e una volta intasati è difficile ripulirli. Quando l'intasamento aumenta il corpo umano nel tentativo di forzare comunque il sangue a scorrere aumenta la pressione sanguigna, fatalmente la vecchiaia spesso porta con se la pressione sanguigna alta.
Se poi i grassi presenti sono troppi la cosa peggiora; inoltre le pareti, inizialmente elastiche, tendono ad indurirsi e altro... (sclerosi)
Il cuore che è già avanti con l'età è costretto ad aumentare e forzare il battito ecc. I maggiori responsabili del problema della pressione alta sono i vasi capillari arteriosi, moltissimi di questi sono subito sotto la superficie della pelle.
Inquadrato il problema si tratta di trovare le soluzioni.
Non esiste una bacchetta magica né una unica soluzione, ma qualcosa si può fare:
1° dato per scontato che è stupido intasare con cibi inappropriati è ovvio che il primo punto quando si deve fare pulizia è il cercare di mettere meno sporco possibile a monte, è una ovvietà.
2° Abluzioni e lubrificazioni
3° Le saune
4° Pulizia interna apparato digerente
5° altri ….
Ultima modifica di Pamela45 il sabato 15 ottobre 2022, 15:39, modificato 1 volta in totale.
Conosci te stesso, rispettati! e, se ce la fai, ama l'universo.

Avatar utente
Pamela45
Gurl
Gurl
Messaggi: 207
Iscritto il: sabato 17 ottobre 2020, 21:12
Località: Veneto
Età: 68
Contatta:

Accesso area fotografica

Abluzione gambe e braccia + olio

Messaggio da Pamela45 »

6) Abluzione = Aspersione del corpo o di una parte di esso, con acqua.
Molte religioni hanno insite in esse questa tecniche delle abluzioni, in quanto tutte le religioni antiche avevano anche la cura del corpo come insegnamento dottrinale.
Le abluzioni si effettuano in genere e salvo certi casi, con acqua fredda in ambiente a minimo 18 gradi, senza prendere freddo si denuda la parte da aspergere e con una spugna, un asciugamano bagnato si umidifica o si spruzza acqua.
Va detto che non tutte le parti del corpo hanno lo stesso degrado.
In genere Pamela si limita a fare un'abluzione mattiniera a braccia, gambe, collo e viso.
Non è solo questione di pulizia come si potrebbe pensare, direi che l'aspetto pulizia è modesto nelle abluzioni.
I punti di azione sono :
a) Stimolare la pelle a reagire ad un po' di freddo, essa reagisce aumentando l'irrorazione sanguigna che porta calore e nello stesso tempo lava, fa pulizia.
b) Umidificare le cellule superficiali facendole passare da una forma di asciutta secchezza ad una condizione di umido fluido. E' come dare da bere ad un vaso di fiori costatando con il dito se la terra superficiale è adeguatamente umida.
C) I punti di agopuntura sono rivitalizzati.

Il vantaggio dell'umidificazione della pelle si può forse comprendere meglio ricordando la pubblicità che la società Johnson fa del suo prodotto Baby Oil per bambini.
Se ricordate diceva che l'utilizzo del suo prodotto sulla pelle bagnata degli adulti ( o sulla pelle asciutta dei bambini) idrata 10 volte di più...
Quindi Pamela ogni mattina si prende un minuto per bagnare braccia, gambe, collo con acqua fredda, poi usa JOHNSON’ Baby Olio per lubrificare.

Va detto che Pamela ha la pelle particolarmente secca, così secca che in inverno con l'asciutto intenso si elettrizza facilmente.
Entrata la odiata vecchiaia le cose sono peggiorate e la vecchia cara Crema Nivea è stata soppiantata da questo Olio.
Pamela ha fatto delle ricerche in merito a tale prodotto, ovviamente c'è di tutto.
Gli ultra-salutisti dicono... “BabY oil attenti è un derivato del petrolio! Brrr... vade retro satana”.
In realtà questa enorme multinazionale con i suoi mega-laboratori ha cercato la molecola oleosa più piccola, e quindi più penetrante, con minori effetti laterali, un olio adatto ai bambini e quindi agli anziani.
Da anni Pamela lo usa ogni mattina e ha notato che non unge più di tanto, dopo un po' viene assorbito la pelle migliora.

Nei negozi salutisti si trovano reclamizzati molti altri strani tipi di oli, ovviamente sempre costosi, della serie più costa più è buono.
Pamela dopo aver spulciando qua e la, ha poi sperimentato che, per lei, vanno benissimo anche gli oli alimentari comuni, olio di girasole in primis, poi olio di arachidi, l'importante è che non lascino odore, per esempio l'olio di oliva andrebbe bene anzi benissimo ha notevoli proprietà aggiuntive ma l'odore è notevole.

Per il momento Pamela usa 4 oli:
JOHNSON’ Baby Olio (ce ne sono di profumati)
Olio di Girasole ( ne parleremo più avanti in riferimento alla bocca)
Olio di arachidi
Olio di ricino (ha proprietà notevoli ne parleremo)
: Chef : : b0845.gif :
A parte l'olio di Ricino gli altri si trovano in tutti i supermercati con costi modesti.
Ultima modifica di Pamela45 il sabato 15 ottobre 2022, 15:53, modificato 1 volta in totale.
Conosci te stesso, rispettati! e, se ce la fai, ama l'universo.

Rispondi